Quale fotografia ti fa tremare?

5
(2)

Attenzione, le persone potrebbero trovare angoscianti alcune delle immagini sottostanti.

L’uomo che cade” – 2001

L’11 settembre 2001 è una data che non ha bisogno di descrizioni. Dopo essere stato catturato dal fotografo dell’Associated Press Richard Drew, “The Falling Man” è diventato una delle immagini più iconiche e strazianti dell’attacco terroristico alle Torri Gemelle. Si ritiene che l’immagine sia di Jonathan Briley, che ha lavorato al 106° piano della North World Trade Tower.

“Come inizia la vita” – 1965

La prima fotografia mai scattata con un endoscopio, “Come inizia la vita”, è stata la prima visione che molte persone hanno avuto di un bambino nel grembo materno. L’immagine è tratta dalla copertina del 30 aprile 1965 della rivista Life, che ha venduto 8 milioni di copie in soli quattro giorni.

“Il terrore della guerra” – 1973

A volte indicata come “Napalm Girl”, l’immagine ritrae civili vietnamiti in fuga dal loro villaggio a seguito di un attacco al napalm da parte delle forze del Vietnam del Sud. All’epoca si pensava che il villaggio fosse occupato dalle forze del Vietnam del Nord. La ragazza, Kim Phúc, di nove anni, si è fatta bruciare i vestiti durante lo sciopero.

Salute del potere nero – 1968

Gli atleti afroamericani Tommie Smith e John Carlos alzano i pugni alle Olimpiadi estive del 1968 a Città del Messico. L’immagine è passata alla storia come l’immagine più apertamente politica mai scattata nella storia dei giochi. Smith afferma nella sua autobiografia che non è un saluto al potere nero, ma un saluto ai diritti umani.

Thich Quang Duc – 1963

Thich Quang Duc, un monaco buddista di origine vietnamita, ha scioccato il mondo quando si è fatto esplodere in un trafficato incrocio autostradale di Saigon per protestare contro la persecuzione dei buddisti da parte del governo sudvietnamita. John F. Kennedy ha detto dell’immagine: “Nessuna immagine di notizie nella storia ha generato tanta eccitazione in tutto il mondo come quella”.

“Terrazza” – 1968

Scattata dall’astronauta dell’Apollo 8 William Anders dall’orbita lunare, “Eartrise” è stata descritta come “la fotografia ambientale più influente mai scattata”.

L’avvoltoio e la bambina – 1993

L’immagine che ha fatto riflettere il mondo e prendere atto della crisi umanitaria in Sudan è tanto triste quanto triste. L’avvoltoio attende pazientemente che la ragazza malnutrita muoia per poterla mangiare. L’immagine è stata così angosciante per il fotografo Kevin Carter che si è tolto la vita poco dopo essere stata scattata. Pubblicata sul New York Times nel marzo 1993, l’immagine ha causato un grande aiuto al popolo sudanese. A causa della preoccupazione dell’opinione pubblica, il Times ha dichiarato che la ragazza è riuscita a raggiungere un centro alimentare, ma oltre a ciò non si sa cosa le sia successo.

La bomba nucleare di Fat Man cade su Nagasaki – 1945

Quando gli Stati Uniti lanciarono due bombe nucleari sul Giappone nel 1945, fermarono sei anni di conflitto globale quasi in un istante. La catastrofica distruzione è stata catturata dai membri dell’equipaggio dell’aereo che ha sganciato la bomba e si stima che tra le 129.000 e le 249.000 persone siano morte a causa dell’attacco.

“Tank Man” – 1989

Uno sconosciuto blocca il percorso di 5 carri armati cinesi in seguito alla repressione dei disordini di piazza Tienanmen a Pechino la notte prima. Non si sa cosa sia successo all’uomo, ma i testimoni riferiscono di averlo trascinato tra la folla da due uomini vestiti di blu, dopo essere saliti nel carro armato di piombo e aver chiacchierato con il comandante. L’immagine è diventata nota in tutto il mondo come un’esibizione di silenziosa sfida di fronte a una forza schiacciante.

Esecuzione a Saigon – 1968

Tratto da un breve video clip del fotoreporter americano Eddie Adams, l’immagine del membro del Fronte di liberazione nazionale Nguyễn Văn Lém pochi istanti prima della sua esecuzione da parte di un generale sudvietnamita ha risuonato in tutto il mondo in quel momento, portando a casa la brutalità della guerra. Preso durante l’offensiva del Tet, Nguyễn Văn Lém avrebbe guidato uno squadrone della morte e perpetrato crimini di guerra, sebbene il suo coinvolgimento sia ancora controverso. L’immagine ha contribuito a galvanizzare il movimento contro la guerra dell’epoca.

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

No votes so far! Be the first to rate this post.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *